Artpoint

MILANO
Location: Galleria

Fotografie di Francesca Pozzi
Testo di Marco Zaccuri

Nel cuore della Milano segreta, nascosta tra corti poetiche e dimore storiche, in un angolo dove la città è rimasta dietro le quinte e il tempo si è fermato.
Immediatamente, il mio sguardo si scontra con quello di un elefante che mi scruta dal salotto, il suo regno. L’animale mi ipnotizza e in un attimo mi ritrovo a scrutarlo da vicino: sono impressionato dalla cura delle pennellate che riproducono i dettagli della sua pelle rugosa. Ogni elemento d’arredamento convive in modo pacifico e discreto con il carattere deciso dell’architettura, sprigionando un’atmosfera romantica, quella dove ogni particolare arricchisce l’insieme. Le stoffe fiorite vestono morbide i divani e le poltroncine; i tendaggi creano una pesante cornice che continua sul pavimento in granito, così lucido che sembra quasi che la famiglia non lo abbia mai vissuto.
I protagonisti degli ambienti sono i quadri, illuminati come se la casa fosse una Galleria d’Arte: lo studio dell’illuminazione è preciso, frutto di menti che abitano l’Arte ogni giorno.

Silvano Lodi, classe 1958, Monaco di Baviera. Dal 1970 residente a Campione d’Italia. Gallerista d’Arte offline e online, a sua volta figlio di un collezionista mercante d’Arte; negli anni esplora in modi differenti la stessa passione del padre, ora infatti Silvano parla di ArtPoint. Mi stringe la mano e mi invita ad entrare nel suo mondo: si siede sul divano in maniera composta, così come i suoi occhiali poggiano composti sul naso. Dietro di lui mi osserva una collezione di libri d’Arte. Lo sguardo serioso di Silvano cela una personalità autorevole e piena di cultura; basta però ripercorrere la sua storia per far emergere il suo lato più umano, orgoglioso ed appassionato allo stesso modo del padre. Silvano mi fa viaggiare con lui tra Germania, Svizzera e Italia, portandomi fino in Cina dove ha avuto modo di approfondire con la fotografia nuovi orizzonti professionali.

L’arte è il filo rosso che tiene legata la vostra famiglia?

L’Arte è nel mio sangue, sono figlio d’Arte. Mio padre aveva una galleria d’arte in Germania e io porto il suo stesso nome, Silvano. Mio padre intraprese il mestiere esportando la seta all’estero: a Como aveva un laboratorio dove i miei nonni e gli zii lavoravano il materiale. Agli inizi degli anni ’60 papà, esperto di pittura fiamminga, ha aperto una galleria d’arte di pittura antica a Monaco di Baviera. Ricordo che mi portava all’Alte Pinakotek. Mi piaceva farmi raccontare da lui le storie dei quadri, con lui ho scoperto le opere di Peter Paul Rubens. Papà mi ha insegnato a leggere l’Arte da un punto di vista diverso, con le sue storie mi portava all’interno della cornice.

Qual’è la mission del vostro progetto?

Abbiamo voluto creare un concept che fosse innovativo e pioneristico: un sito online di vendita di stampe per stare al passo con i tempi. In Inghilterra, oggi, la stampa è all’ordine del giorno mentre in Italia il panorama è ancora legato ai classici quadri incorniciati. L’idea è quella di spingere le nuove generazioni a rivalutare l’attualità dell’arte antica, spesso vista come cupa e nostalgica; accostando colori vivaci e cornici moderne, l’opera può armonizzarsi all’interno di qualsiasi un ambiente. Questo è un modo per dare un ricambio al bacino d’interesse, ci piace l’idea di avvicinare i giovani all’arte. Ci siamo immedesimati in una giovane coppia che arreda la propria casa: raramente nel loro budget può rientrare l’acquisto di opere originali dal valore di migliaia di euro. Con ArtPoint vogliamo dare un nuovo punto di partenza all’Arte. Creare un servizio che possa rendere accessibile prodotti di qualità, riuscendo così a diventare un nuovo punto di riferimento per appassionati e non.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Navigation

My Cart

Close

Quickview

Close

Categories

error: © 2019 Specchi